Dal Ministero della Salute un Piano per la Prevenzione

In Politiche alimentari by Elena AlquatiLeave a Comment

Tanto è stato detto e tanto si continua a dire su come cambiare lo stile di vita, l’alimentazione, e su quanto sia importante l’esercizio fisico, la meditazione; eppure tutto continua a peggiorare: le patologie aumentano, la disabilità aumenta,  si allunga la vita (non ovunque) ma la condizione in cui si vive troppo spesso non è delle migliori. Quello che è sconcertante è che siamo pieni di linee guida Ministeriali, abbiamo addirittura  un Piano Nazionale (Ministeriale) per la Prevenzione, ma allora perché tutto peggiora?  Leggete un po’ qua!

I principi

Il Piano Nazionale per la Prevenzione (2014-2018), intende promuovere la salute e la prevenzione, attuando azioni strategiche basate sull’evidenza e che vedono coinvolte le Regioni come punto di riferimento territoriale.  L’intento è di produrre un impatto e produrre un miglioramento sulla salute  e sul sistema in generale, creando dei Macro/Micro obiettivi.

Priorità di intervento: Ridurre il carico di Malattia

Basandosi anche su quanto indicato dall’OMS, il trattato esprime la necessita di sollevare il nostro Paese, da  una percentuale sempre più schiacciante di eventi “morbosi e mortali”,  manifestando la necessità di rafforzare il Servizio Sanitario per renderlo  più sostenibile.  L’obiettivo è:

  • riduzione della mortalità prematura da “Malattie Croniche non Trasmissibili”;
  • riduzione degli incidenti e delle malattie professionali;
  • promuovere l’invecchiamento attivo (compreso la prevenzione delle demenze.

Pensiamo ai giovani

Sarà la classe attiva lavorativa e dirigenziale della società futura, ed è necessario promuovere una crescita responsabile e consapevole  promuovendo stili di vita sani ed escludendo comportamenti  per qualsiasi forma di dipendenza per una ricerca di un benessere psicofisico e affettivo

Lo sviluppo

Sul Piano, nel suo complesso,  si esprime la necessità di uno sviluppo della prevenzione, soprattutto sulle aree di “salute e organizzazione” dove è evidente la necessità di un salto di qualità (evidenze scientifiche, misurazione impatto degli interventi). Questi i punti salienti del PNP:

  • una sistematica attenzione alla intersettorialità ai vari livelli di sistema: di governo centrale e di coesione nazionale, di programmazione regionale e di governo locale, di erogazione dei servizi a livello territoriale;
  • Una sistematica attenzione al miglioramento della qualità dei servizi;
  • Una sistematica promozione per lo sviluppo e l’utilizzo di valutazioni quantitative (flussi informativi e finalizzati).

 

Gli obiettivi

prevenzione

Le Malattie Croniche non trasmissibili:

  • Malattie cardiovascolari,
  • Cancro
  • Patologie respiratorie croniche
  • Diabete

costituiscono, a livello mondiale, il principale problema di sanità pubblica, e sono la prima causa di morbosità, invalidità e mortalità, con un impatto importante a livello umano, sociale ed economico.

L’OMS ha elaborato un piano di azione globale che ha, tra gli obiettivi, la riduzione del 25% della mortalità precoce dovuta alle malattie sopra citate entro il 2025. Due sono i gruppo di malattie che causano quasi i  tre quarti della mortalità in Europa:

  • Malattie cardiovascolari
  • cancro

mentre sono tre i principali gruppi di malattia che costituiscono più della metà del carico di malattia in condizioni di disabilità o anni non vissuti per la malattia stessa (misurazione DALYs):

  • Patologie cardiovascolari
  • Cancro
  • Disturbi mentali

E pensate un po’

possiamo evitare di ammalarci

Malattie Cardiocircolatorie

Dall’ ultimo dato disponibile (2010) risulta che nel nostro paesi ci sono stati 220.539 decessi per malattie del sistema circolatorio, e anche se il dato non è recentissimo, la statistica purtroppo è in aumento.

Il Diabete

diabete tipo 2 - OMS

Riassumendo quanto indicato dal PNP, il diabete è destinato a diventare la causa maggiore di disabilità e di mortalità nei prossimi vent’anni. Nel nostro paese ci sono 3 milioni di persone con diabete (tipo 2) stimando che è possibile ci possano essere un altro milione che non sa di averlo.  Ciò che emerge in particolare è la disuguaglianza sociale, che incide fortemente sul rischio di ammalarsi, infatti questa patologia, pare essere più elevata nelle classi sociali più basse, e al sud.

Cancro

Ogni anno ci sono 250.000 nuovi casi di tumori  con un incidenza in costante aumento, e una mortalità diminuita anche se c’è una differenza geografica importante. Difatti se al centro nord c’è una diminuzione di decessi registrata soprattutto negli uomini, nell’area centro sud la situazione è contraria, registrando invece un aumento di decessi.

I fattori di rischio

Globalizzazione, urbanizzazione, alimentazione, scarsa attività fisica, ecc,  sono elementi che predispongono e ci espongono alle Malattie Croniche non Trasmissibili.

Perché la globalizzazione? Si sta diffondendo ciò che è chiamata “transazione nutrizionale”, ovvero il passaggio verso regimi alimentari ad alto contenuto energetico.  (ricchi di grassi, sale, zucchero) e la significativa riduzione dei livelli di attività fisica nella popolazione.

L’urbanizzazione è un elemento facente parte delle politiche ambientali che determinano ciò che viene definito malattie “causa nella causa”:

 

  • Cambiamenti climatici e sviluppo sostenibile;
  • Esposizione ai principali fattori di rischio ambientali: inquinamento aria, acustico, sostanze chimiche, radiazioni, condizioni lavorative e abitative non adeguate
  • Informazione sulla salute ambientale e comunicazione del rischio
  • Gestione delle risorse naturali

Concludendo

Perché questo articolo? Perché spero ci possa far riflettere sulle azioni da intraprendere in futuro. Un esempio? Quando i nostri figli vengono invitati da MC Donalds per una festa di compleanno,  riflettiamo se portarcelo solo perché lo fanno tutti, o se vogliamo  intraprendere un cambiamento  nel nostro modo di pensare, e magari suggerire alla mamma che sta organizzando questa festa, che ci sono altri luoghi per poter festeggiare il compleanno del suo bambino, in onore di un futuro sano e migliore.

State in ascolto, nel prossimo articolo parleremo di bambini!

 

 

Sono Elena Alquati e sono un consulente alimentare. Se hai bisogno di un chiarimento lasciami un commento, risponderò nel più breve tempo possibile. Se invece hai bisogno di una consulenza scrivimi su alqua63@gmail.com.

Leave a Comment