George Ohsawa: Il cancro e la macrobiotica

In Alimentazione e cancro by Elena Alquati1 Comment

Sicuramente molti di voi conoscono George Ohsawa, il fu padre della macrobiotica. Ohsawa ha scritto un bellissimo libro dal titolo “il cancro e la filosofia dell’estremo oriente” e vorrei condividere una citazione piuttosto forte di questo suo libro,  che descrive come reagirebbe Gesù se dovesse essere catapultato nel mondo moderno …. probabilmente  si arrabbierebbe moltissimo:

Se Gesù fosse qui

“Dacci oggi il nostro pane quotidiano?!! E non ne mangiate che un boccone, che accompagnate con una spessa fetta di carne, con abbondanti quantità di gelati, di caffè, di frutta esotica e tante altre cose. Quello che voi chiamate pane è gonfiato con lievito, sbiancato e sterilizzato con prodotti chimici, fatto con farine troppo raffinate. Volete suicidarvi? Siete dunque così privi di comprensione, così ignoranti, così arroganti e così pazzi? Avete perso il senso dell’Ordine dell’Universo!! Fatevi la vostra autocritica: mea culpa!”

L’Ordine dell’universo

l'ordine dell'universo

Mamma mia!! Sarebbe decisamente arrabbiato. La nostra vita è diventata totalmente innaturale, frenetica ma nello stesso tempo statica, di certo non scorre in accordo con l’Ordine dell’Universo, e le nostre essenze o soffi non stanno certo seguendo il corso naturale della vita: TUTTO HA UN ORDINE e noi esseri umani ne facciamo parte.  Ma questo è un concetto che è compreso in modo superficiale e non riesce invece a penetrare nei nostri cuori, nella vita quotidiana.

Uno stile di vita che va cambiato

disperazione

Oggi si creano discipline che cercano di far emergere lo spirituale in un mondo troppo materiale in stile mosaico  (mettere insieme più conoscenze per farne una propria), ed è un continuo fallimento.  La vera e unica sorgente che infonde armonia tra materia e spirito (yang yin) è l’Universo, la natura, la vita.

Come si può pensare di avere un armonia costante tra materiale e spirituale,  vivendo in una città metropolitana,  con un tenore di vita più che frenetico, in mezzo ad un inquinamento assurdo, dato sia per l’aria irrespirabile che a livello elettromagnetico (wi fi, cellulari, ecc.), e una televisione che penetra nel nostro pensiero più profondo.

Cambiare è importante

Questi cambiamenti sono importanti, certo è che noi dobbiamo essere pronti e cambiare, se non abbiamo questa consapevolezza non ci sarà cambiamento, e per estensione non ci saranno ricerche che tengano, il cancro continuerà ad esistere e ad aumentare.  Il cancro non deve avere come obbiettivo solo la  cura, ma l’ eradicazione, cambiando lo stile di vita innaturale che stiamo vivendo. Il nostro ambiente deve tornare ad essere consono all’ essere umano:

“ non si può risolvere un problema con la stessa mentalità che l’ha generato”.  Albert Einstein

Il Cancro è pensante ma non vede

Per Ohsawa  il cancro non invecchia non si ammala, si sviluppa, si arresta, dorme, si sveglia e ricomincia la sua attività. Ripete questo ciclo in modo indefinito, resiste, si adatta trionfa, è la vita stessa, è la materia della vita alla quale manca solo l’orientamento o la spiritualità, quindi è cieca.

È la volontà cieca, meccanica, cioè l’insaziabilità, la voracità, l’espansione infinita, perfetta dal punto di vista della materia organica ma non dal punto di vista della spiritualità:

 

“Chi ha creato il cancro ?  l’uomo, con la sua mania di voler monopolizzare il mondo al fine di soddisfare i propri desideri ciechi e sensoriali, e così ha creato un ambiente in cui non è in grado di vivere”. – George Ohsawa.

 

Comments

Leave a Comment