Questo corso è in fase organizzativa, e certo non è per tutti, ma lo è sicuramente per tutte quelle fasce settoriali che avrebbero dovuto essere preparate su questa materia, e che questa materia dovrebbe essere inserita obbligatoriamente in tutte queste stesse fasce settoriali, medici in primis, ma anche avvocati, giornalisti, e tutte quelle figure che, direttamente o indirettamente sono coinvolte nella Governance sanitaria.

Argomento del corso

La Governance sanitaria e’ l’insieme dei processi clinici ,etici ,amministrativi , gestionali , organizzativi
e giuridici che lo Stato deve utilizzare per rendere funzionale ed organizzato il sistema sanitario in
rispetto dei doveri di buona salute e di corretta spesa sanitaria che lo Stato ha tarato sui principi
fondanti la legge 833/78 , vera architrave del diritto alla salute .

Poiche’ lo Stato ha affidato al medico di detenere il rapporto con il pagatore fiscale /cittadino fruitore
dei servizi attraverso il rapporto medico/paziente e poiche’ sempre lo Stato e’ responsabile di non
aver formato la classe medica sulla Governance sanitaria e di aver permesso l’ abolizione del
giuramento di Ippocrate , ecco che risulta chiaro in primis l’ annientamento dei principi fondanti la
” buona salute e la corretta spesa sanitaria” e in secundis emerge la volonta’ dello Stato di
trasformare il medico nel silente strumento di propagazione della medicina del profitto con la
conseguente diffusione di una reazione di sfiducia nel cittadino sempre più consapevole della perdita
del diritto alla salute.

Lo Stato tenendo i medici nell’ignoranza della Governance ha forzato la classe medica a farla
progressivamente globalizzare facendo si che essi stessi nella pratica assistenziale la distorcessero e
manipolassero inconsapevolmente contro gli interessi nazionali che dovrebbero essere al servizio del
cittadino tramite l’ art 32 della Costituzione .
Avendo lo Stato distorto i principi di Governance , inserendo nella classe medica il virus della
corruzione e dei conflitti di interessi ,ha aperto le porte alla medicina del profitto facendo sì di
peggiorare costantemente i servizi sanitari sia qualitativamente che quantitativamente per far
perdere il rapporto di fiducia medico paziente , fare tagli di spending review mirati a smantellare via
via nel tempo la prevenzione, la ricerca e la formazione scientifica e tecnologica, dequalificando gli
strumenti assistenziali del medico e dilatando la spesa sanitaria erogando al cittadino prestazioni ed
organizzazione inefficaci e lesive della salute , impedendo l’introduzione di nuovi modelli clinici ed
organizzativi efficaci e sicuri a garanzia del cittadino e della societa’.
Le nefaste conseguenze di tutto ciò sono sotto gli occhi di tutti e pertanto la vera rivoluzione parte
dall’eliminare la falsa medicina speculare alla privazione delle nostre libertà personali perche’
costruita sulla base di interessi economici /finanziari globali.

Pertanto e’ necessario ridisegnare una medicina basata su un nuovo approccio sia medico scientifico
che nei confronti del paziente /pagatore fiscale, riappropriandosi di veri principi etici ed epurandola
dal virus del profitto , affinché una nuova classe medica possa studiare e somministrare modalita’ di
cura a misura di paziente anche aprendo le porte a quelle medicine tenute forzatamente a distanza
dall’assistenza pubblica forse perché troppo efficaci e meno costose che ostacolavano le logiche del
profitto globale.

Il corso sarà tenuto dal Prof. Pierfrancesco Belli – Presidente della Commissione Rischi ed Etica Sanitaria di Incer Institute

Scarica il testo

Scarica modulo di iscrizione