Con questa ricetta siamo in provincia di Sondrio. Questo pane meraviglioso a forma di ciambella, veniva preparato con le rape essiccate (metodo usato per la loro conservazione durante l’inverno), e consumato per colazione o merenda, oppure semplicemente come pane quotidiano. Io ho usato le rape fresche ma mi sono ripromessa di riprovarci con le rape essiccate, proprio come si faceva una volta. Naturalmente è possibile preparare questo pane con la pasta madre e ho  scelto la farina integrale proprio perché volevo riproporre la rusticità di un pane tradizionale, ma se ritenete sia troppo forte, oppure avete un intestino che non tollera un eccesso di crusca, è possibile utilizzare la farina di tipo 2. Bene allora iniziamo ad impastare.

Ingredienti

  • 800 farina integrale di grano tenero
  • 10 gr di farina maltata
  • Mezzo panetto di lievito di birra
  • ½ cucchiaino di sale marino integrale
  • q.b. Acqua tiepida
  • 3 Rape di medie dimensioni

Se utilizzi il lievito fresco basta scioglierlo in mezzo bicchiere d’acqua tiepida, se invece vuoi usare il lievito secco, è necessario  attivarlo con un cucchiaino di malto di riso e un poco di acqua tiepida per 10  minuti (apparirà una schiuma sulla superficie).
Lava e pela le rape*, tagliale a tocchetti e ponile  in una pentola nella quale avrai portato dell’acqua  a bollore . Sala e cuoci le rape sino a quando non saranno tenere (circa 20 minuti); passale in un passaverdura, oppure schiacciale con una forchetta. Disponi ora la farina integrale in un recipiente, unisci la farina maltata e la rape schiacciate; versa il lievito e impasta con acqua tiepida salata  per circa  15 minuti. Fai  riposare l’impasto un paio d’ore coperto con uno strofinaccio umido e al riparo da correnti d’aria.

Prepara delle ciambelle dal diametro di circa 22-24 cm e dal peso di gr. 200 circa; inforna (forno preriscaldato) a 180° per circa 25 minuti.

* se usate le rape essiccate, cuocerle per due ore o un’ora in pentola a pressione.